13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

20:18

FINISCE 1-1 CON IL PORTICI Il Castrovillari saluta la serie D

19:10

IL CORDOGLIO DELL'AMMINISTRAZIONE Ci lascia Ortensia Caterini, la farmacista dal sorriso luminoso

Visto

808 Volte

MOTORI

Simone Iaquinta torna sul podio nella Porsche Mobil 1 Supercup

Davanti al pubblico di Monza il pilota castrovillarese ha messo a segno una straordinaria rimonta che lo ha portato sul terzo gradino del podio

Trionfo di determinazione e abilità: ecco la sintesi della gara di Monza disputata dal pilota castrovillarese Simone Iaquinta che, partito dalla decima posizione in griglia, è stato autore di una straordinaria rimonta che lo ha portato sul terzo gradino del podio. «Ci tenevo a chiudere il campionato in casa con una bella prestazione» ha commentato alla fine della prestazione sul circuito di Monza.

Un finale di stagione dalle grandi emozioni nel round finale del Mobil 1 Supercup, il campionato mondiale di casa Porsche. Fin dai primi giri, il pilota di Castrovillari ha iniziato a scalare posizioni, evidenziando una grande sete di successo e la solita competenza di guida.

La gara è iniziata con un ritmo travolgente, e Iaquinta ha pigiato sull’acceleratore con giudizio ma con la consueta grinta, superando avversari con precisione millimetrica. Ancora una volta primo tra gli italiani, il pilota Huber Racing è riuscito a domare le curve e i rettilinei di Monza riuscendo nuovamente, come era accaduto una settimana fa a Zandvoort, a rimontare un numero impressionante di posizioni.

Man mano che la gara avanzava, Iaquinta guadagnava posizioni, una dopo l’altra, facendosi strada tra i piloti rivali, il meglio del panorama automobilistico di specialità. La diretta della gara, trasmessa in tv in quanto associata al circus della Formula 1, ha di fatto consentito ancora una volta a entusiasmare i tifosi e gli appassionati di motorsport, che hanno assistito con il fiato sospeso a questa rimonta incredibile. Alla fine, attraversando il traguardo, Simone Iaquinta ha conquistato il terzo posto, sollevando il trofeo del podio con orgoglio.

«Ci tenevo a chiudere il campionato in casa con una bella prestazione e nonostante il decimo posto in griglia ottenuto durante le qualifiche, non ho mai smesso di credere che avremmo potuto portare in alto i colori italiani. Ringrazio il team huber per il duro lavoro nonostante gli ultimi momenti difficili. E anche il team GHINZANI che per questa gara mi ha prestato il nostro ingegnere Riccardo. Questo terzo posto è un risultato fantastico per tutti noi».

Potrebbe interessarti

FINISCE 1-1 CON IL PORTICI

Il Castrovillari saluta la serie D

di Michele Martinisi

di Redazione

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati