13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

394 Volte

SANITA' TERRITORIALE

Medici cubani negli ospedali di periferia: la soddisfazione del sindaco di Mormanno

L'annuncio del direttore sanitario dell'Asp di Cosenza, Martino Rizzo, è stato commentato favorevolmente: «potremo dare risposte al diritto di salute che il territorio chiede da sempre»

«Ho registrato con grande favore le dichiarazioni del direttore sanitario dell’Asp di Cosenza, Martino Rizzo, riportate da un quotidiano cosentino in merito alla volontà di assegnare una parte del nuovo contingente di medici cubani negli ospedali di periferia. La pandemia ci ha insegnato che la questione sanitaria si gioca sul piano glocal e se con i sanitari italiani non siamo riusciti a dare risposte al bisogno di salute che richiedono i territori, allora ben venga la sinergia internazionale messa in piedi dalla Regione Calabria con i medici del golfo del Messico per assicurare il diritto di cure e prestazioni sanitarie alle nostre popolazioni».

Lo afferma il sindaco di Mormanno, Paolo Pappaterra, riprendendo con favore le dichiarazioni di oggi che annuncia l’arrivo di nuovo gruppo di medici Cubani che presteranno servizio non solo negli Spoke della provincia ma anche negli ospedali di San Giovanni in Fiore, Lungro, Cariati, Trebisacce, Mormanno.

«La sanità è un ambito – ha affermato il primo cittadino di Mormanno – sul quale le istituzioni pubbliche e i comuni si giocano la credibilità nei confronti dei cittadini. Per troppo tempo abbiamo assistiamo al depauperamento dei presidi ospedalieri delle aree interne e lavorare in sinergia con la Regione Calabria e il coordinamento dell’Asp di Cosenza, come stiamo facendo da tempo nei tavoli di confronto ai quali siamo protagonisti con i sindaci del territorio, ci permette oggi di intravedere un orizzonte di rinascita per un comparto strategico non solo per le risposte in ambito di diritto alla salute, ma per l’intera vivibilità del territorio. Sapere che avremo linfa nuova capace di assicurare la risposta ai bisogni di cure che arriva dai cittadini è per noi un ottima prospettiva per programmare il rilancio dell’ospedale di Mormanno, sul quale come amministrazione stiamo investendo energie e risorse per renderlo riferimento della Calabria superiore e della vicina Basilicata».

In queste ore il sindaco Pappaterra ha anche sentito il suo collega di Lungro, Carmine Ferraro, che ha espresso altresì soddisfazione per la presa di posizione dell’Asp per territori «troppo spesso poco considerati nell’ottica globale della sanità pubblica regionale».

Potrebbe interessarti

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola