13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

338 Volte

SCOPERTE UNICHE

Laino Borgo conferisce cittadinanza onoraria all’archeologo Mollo

«Stiamo realizzando un grande sogno. L’archeologia di Laino Borgo è conosciuta ormai a livello europeo». 

Una cerimonia semplice ma carica di emozione quella del conferimento della cittadinanza onoraria a Fabrizio Mollo, professore ordinario di topografia antica e archeologia delle province romane presso il dipartimento di civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina, protagonista insieme alla sua equipe, di aver portato alla luce l’immenso patrimonio archeologico del colle di San Gada nella campagna lainese.

L’esecutivo di Laino Borgo, guidato dal sindaco Mariangelina Russo, ha scelto all’unanimità del consiglio di conferirgli – nel corso di una seduta straordinaria dell’assise comunale – il riconoscimento per «per aver valorizzato il nostro territorio e permesso di ricostruire le nostre origini, progettando attorno agli scavi di San Gada un percorso archeologico di caratura internazionale che consolida Laino Borgo nel panorama dei siti archeologici italiani».

Visibilmente emozionato Fabrizio Mollo attorniato da tantissimi cittadini di Laino Borgo ha voluto condividere idealmente la cittadinanza onoraria con «questi straordinari ragazzi. (la sua equipe, ndr) Siamo tutti cittadini di Laino Borgo» ha detto tra gli applausi di tutti. «loro hanno le mie stesse motivazioni e un entusiasmo straordinario. Io tutte le volte che vengo qui sono contento – ha dichiarato ringraziando per il riconoscimento ricevuto – perché so di arrivare in un ambiente straordinario. Insieme stiamo costruendo un grande sogno. L’archeologia di Laino è conosciuta a livello europea. Sta diventando un grande sito archeologico italiano e non solo». Nei prossimi mesi infatti il racconto delle scoperte in contrada San Gada, dove insistono le tracce di antiche civiltà e l’esistenza di un agglomerato urbano di grande pregio che gli studi diranno se si tratta dell’antica città di Laos che gli studiosi da tempo cercano, saranno presentate a Vienna e un altro invito è arrivato dalla Francia.

«Questo diventerà uno strumento per la valorizzazione di questo territorio straordinario». «Era noto già da tempo che il nostro territorio poteva avere un interesse storico-archeologico, grazie ai rinvenimenti sporadici che venivano ritrovati da privati e grazie ad alcuni scritti riportati da alcuni nostri illustri concittadini come il Gioia – ha sottolineato il sindaco Mariangelina Russo nel suo intervento di presentazione della Cittadinanza Onoraria – Le articolate ricerche effettuate tra il 2018 e 2022 a cura del Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell’Università di Messina con a capo il Professor Fabrizio Mollo, hanno fatto sì che sui terrazzi di San Gada è stato individuato un sito di epoca arcaica, databile tra il VI e V secolo a.C., sede di un ampio insediamento urbano, pianificato e organizzato intorno a strade e ad isolati regolari, frequentato da genti lucane tra la seconda metà del IV e III secolo a.C. Pertanto un importante insediamento archeologico della Magna Grecia è presente qui a Laino Borgo che rappresenta un’occasione concreta per accrescere la memoria storica e l’appartenenza identitaria della nostra Comunità in un contesto naturalistico e paesaggistico di straordinaria bellezza».

Mollo – è stato aggiunto – «si è distinto nel campo della ricerca, delle scienze archeologiche, nella cultura, ma anche nella valorizzazione e tutela del nostro territorio, dando alla Città di Laino Borgo, una fama a carattere nazionale, ma anche internazionale.

Avere scoperto il sito di S.Gada e avere iniziato a valorizzarlo attraverso lo scavo, la ricerca, le pubblicazioni, la divulgazione, ha fatto sì che Laino Borgo è stato conosciuto anche negli ambienti universitari, accademici, di studio e di ricerca, dando al nostro Borgo una visibilità unica nel suo genere, tant’è che finalmente il nostro sogno sta per avverarsi, in quanto grazie all’impegno assunto dal Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, che ringrazio ancora una volta pubblicamente anche a nome della mia Comunità, vedremo realizzato il parco archeologico ed il Museo».

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

di Domenico Fortunato

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola