13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

14:29

FESTIVAL DELLE LANTERNE Il folklore castrovillarese è arrivato in Cina

Visto

2136 Volte

VIOLENZA SULLE DONNE

Tre bambine salvano la madre dall’aggressione del padre: con un cartello chiedono aiuto alla Polizia

Gli agenti sono intervenuti dopo aver notato le bimbe di 12, 10 e 8 anni affacciate al balcone di casa che attiravano attenzione anche con il segnale silenzioso antiviolenza “signal for help”.

Ubriaco, picchia la moglie davanti alle tre figlie minori, perchè voleva impedirle di andare a lavorare. Protagonista del fatto un uomo di 47 anni, il quale è stato arrestato dalla Polizia di Stato di Reggio Calabria, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Gli agenti, intervenuti in seguito ad una richiesta di aiuto, arrivata alla sala operativa, prima di giungere nell’appartamento sono stati richiamati dalle tre figlie di coppia, la più piccola delle quali mostrava un piccolo foglio bianco con la scritta in arancione “Help”, che urlavano: “Venite, venite siamo qui”.

Una volta dentro l’abitazione, i poliziotti hanno individuato e identificato l’uomo, che ha già scontato una misura di divieto di avvicinamento alla moglie, in evidente stato di alterazione psicofisica e che pronunciava frasi senza senso davanti alla vittima e alle tre figlie, di 12, 10 e 8 anni. E’ stata proprio la più piccola, che vedendo la mamma aggredita ancora una volta dal padre, ha composto sul cellulare della donna il 113. L’aggressione sarebbe avvenuta per futili motivi e sembrerebbe sia stata generata dalla richiesta di raccogliere la cenere della sigaretta buttata volutamente a terra dall’uomo. La moglie ha denunciato le violenze finora subite dal marito che la picchiava, le tirava i capelli e le dava pugni in testa, non permettendole di frequentare la sua famiglia. Per il 47 enne sono quindi scattate le manette ed è stato portato in carcere, dove attualmente si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola