13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

876 Volte

LA CATTURA

Il superlatitante Pasquale Bonavota arrestato a Genova: sorpreso mentre era in chiesa

È stato fermato dopo essere entrato nella cattedrale di San Lorenzo, nel cuore del centro storico della città ligure. E' esponente di spicco della cosca di Sant'Onofrio inserito nell'elenco dei latitanti di massima pericolosità

Pasquale Bonavota, il superlatitante 49enne ricercato e inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità del Ministero dell’Interno, è stato catturato stamane a Genova. Gli uomini del Ros lo hanno fermato nella cattedrale di San Lorenzo nel cuore del centro storico ligure, dopo averlo seguito per un tratto di strada. L’arresto arriva a conclusione di articolate indagini che hanno visto impegnati gli uomini del Ros e dei comandi provinciali Carabinieri di Vibo Valentia e Genova. Bonavota era ricercato in quanto destinatario di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, nell’ambito dell’indagine Rinascita-Scott.

I carabinieri del reparto operativo, coordinati dal colonnello Michele Lastella, del capoluogo ligure, lo hanno seguito e fermato al momento opportuno. Il super boss calabrese aveva con sè un documento falso.

E’ ritenuto responsabile del reato di partecipazione ad associazione mafiosa con il ruolo di promotore della cosca omonima rientrante nella locale di ‘ndrangheta di Sant’Onofrio. Le indagini, culminate con la cattura di Bonavota, sono state dirette dalla direzione distrettuale antimafia di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri.

Potrebbe interessarti

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola