13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

13:15

PRESENTATO IL PROGRAMMA Tutto pronto per il Pollicino Book Fest

22:07

POESIA POPOLARE CONTAMINATA DAI RITMI MODERNI Musica e Teatro in ricordo di Luigi Russo

Visto

472 Volte

LA PREVENZIONE

Tumore al seno: a Castrovillari riparte l’attività di screening dopo cinque anni di stop

Il reclutamento di nuovo personale e l'implementazione del parco tecnologico pianificato dalla Regione Calabria ha permesso di superare uno stallo aggravato anche dalla pandemia. La prima giornata di screening nella data dell'8 marzo.

L’attività di screening per la prevenzione del tumore al seno presso l’ospedale Spoke di Castrovillari riparte. E lo farà in una data simbolica, l’8 marzo nel giorno della Festa della Donna. Dopo una lunga battuta d’arresto durata ben cinque anni e causata da carenze strumentali e di personale, notevolmente aggravate dalla pandemia, ora si può ritornare a fare prevenzione, grazie al reclutamento di nuovo personale e all’implementazione del parco tecnologico pianificata dalla Regione Calabria, che ha consentito la sostituzione del precedente mammografo analogico obsoleto e troppe volte guasto con uno digitale all’avanguardia e con una migliore precisione diagnostica. Lo annuncia Valentina Amenta, responsabile provinciale Sanità Cosenza membro del direttivo di Forza Italia di Castrovillari, soddisfatta di aver concluso positivamente l’impegno preso alcuni mesi nel corso di un evento organizzato da Azzurro Donna dedicato proprio alla prevenzione delle neoplasie femminili.

«Determinante – spiega la Amenta – l’interlocuzione con la Presidente della Commissione Sanità Pasqualina Straface, che si è immediatamente attivata in seguito alla nostra richiesta e si è impegnata in tal senso fino al raggiungimento dell’agognato risultato. Ovviamente ciò non sarebbe stato comunque possibile senza la disponibilità e la grande abnegazione della responsabile del reparto di Radiologia dottoressa Maria Romano e della responsabile dell’Unità Screening Oncologici Asp Cosenza dottoressa Anna Giorno».

«Abbiamo pensato che la giornata internazionale della donna potesse diventare una preziosa occasione per sensibilizzare la cittadinanza e promuovere il tema della salute femminile, per ricordare alle donne quanto sia importante prendersi cura della propria salute e che uno dei modi per farlo è aderire ai programmi di prevenzione; l’adesione ai programmi di screening – crollata in tutta Italia nel post-covid – purtroppo nella nostra regione risulta ancora troppo bassa, soprattutto nella provincia di Cosenza, nonostante i numeri delle nuove diagnosi siano in continuo aumento; lo scarto tra le adesioni in Calabria e quelle nelle altre regioni meridionali è enorme: se per le mammografie la Sicilia raggiunge l’obiettivo UE del 90%, la Campania quello del 53%, la vicina Basilicata arriva al 69%, la Calabria è purtroppo ferma al 4,8%. Per l’AIRTUM ( Associazione italiana registro tumori) si tratta, infatti, della regione nella situazione più critica». 

«In un contesto simile – aggiunge la responsabile provinciale Sanità di Forza Italia – diventa vitale rafforzare ogni azione mirata a contrastare il ritardo diagnostico e a favorire la prevenzione, partendo in primis dall’educazione alla prevenzione che consiste nell’Informare sui correnti stili di vita e sulle misure che consentono una diagnosi precoce, come gli screening oncologici. Una buona notizia, insomma, per tutte le donne del territorio, poiché non si tratterà di una giornata isolata, ma di una misura strutturale del nostro ospedale che consentirà un semplice accesso alla prestazione anche a coloro che hanno difficoltà a spostarsi a Cosenza e a fare ricorso alle strutture private e che in questi anni probabilmente hanno dovuto rinunciarvi. Crediamo sia innegabile il cambio di passo voluto dal presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto – in qualità di Commissario alla Sanità – che sta cercando con la sua squadra di recuperare il gap esistente tra la nostra regione e altre realtà più virtuose del Paese, non senza difficoltà considerate le condizioni di partenza! Il nostro obiettivo rimane sempre quello di rimettere in moto il motore della Sanità, affinché finalmente si garantisca a tutti i cittadini calabresi il diritto alla salute e l’accesso equo ed universale alle prestazioni sanitarie».

Potrebbe interessarti

di Redazione

di Vincenzo Alvaro

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati