13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

4153 Volte

NUOVI RITROVAMENTI

Papasidero: scoperto nella Grotta del Romito un anfratto di sepoltura collettiva

Durante l'annuale campagna di scavi in corso in questi giorni ci si è imbattuti nel sensazionale ritrovamento di resti di numerosi individui. Sulla parete rocciosa i segni di un altro stanziamento preistorico

Non c’era solo la Grotta del Romito come stanziamento umano preistorico. Il piccolo e stretto canyon nel quale si apre la suggestiva grotta di Papasidero «ha ospitato comunità per molti millenni, da 24mila anni fa fino al II millennio a.c.». Lo afferma il professor Fabio Martini, dell’Università di Firenze, responsabile degli scavi archeologici che sotto il regime di concessione ministeriale e l’egida della locale Soprintendenza arheologica belle arti e paesaggio di Cosenza, continuano annualmente nel sito del Pollino e che proprio in questi giorni hanno riportato alla luce sensazionali e nuove scoperte.

In particolare le indagini in una piccola cavità adiacente alla grotta del Romito, che è stata utilizzata per molti secoli come luogo luogo di sepoltura a partire dal Neolitico (in questi livelli archeologici sono in atto le indagini di questo mese) sino all’età del Bronzo, hanno permesso di recuperare i resti di numerosi individui che erano stati collocati in questo piccolo anfratto secondo un rito di sepoltura collettiva. Inoltre lungo la medesima parete rocciosa «è stato individuato un altro stanziamento preistorico che sarà oggetto di studio nei prossimi anni» afferma il docente dell’Università di Firenze.

Giacimento di grandi potenzialità

Ancora una volta il Pollino, dunque, sorprende per la importanza nella lettura della storia dell’uomo e delle evoluzioni avvenute nel corso dei millenni. Con questi ritrovamenti la grotta del Romito diventa un «giacimento con grandi potenzialità, capace di ampliare il suo profilo scientifico, la valenza formativa per le scuole e per le nuove generazioni, il bacino turistico e le offerte professionali» ha sottolineato il sindaco di Papasidero, Fiorenzo Conte.

In questa direzione si stanno muovendo la Soprintendenza di Cosenza, l’Università di Firenze, il Comune di Papasidero, la Regione Calabria e quanti hanno a cuore la valorizzazione del locale patrimonio culturale e ambientale. Attualmente, sono in fase di progettazione nuovi interventi strutturali per rendere il sito visitabile con maggiore agio, anche da persone con disabilità, interventi che sono ispirati all’inclusione e all’accoglienza proprio seguendo lo stile degli antichi abitanti di questi luoghi. Le ricerche scientifiche infatti hanno confermato che 24mila anni fa qui hanno vissuto gruppi di cacciatori-raccoglitori paleolitici che hanno lasciato tracce importantissime dei loro modi di vita e della loro cultura: sepolture, opere d’arte (tra tutte la famosa incisione di Bos primigenius sul grande masso che maestosamente campeggia all’ingresso della grotta), manufatti in pietra, osso e corno. Questi uomini possedevano «uno spirito empatico e una propensione all’inclusione che ha portato alla cura di individui disabili: costoro – aggiunge Martini – solo grazie alla cura del gruppo hanno potuto vivere superando gravi patologie invalidanti, come ad esempio l’individuo affetto da nanismo che è deceduto in età adulta pur non avendo le potenzialità fisiche richieste in quell’ambiente impervio di montagna». Tutto questo era ben noto e negli anni è stato illustrato dagli studiosi dell’Università di Firenze sia attraverso canali divulgativi sia in sedi scientifiche.

Potrebbe interessarti

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati