13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

278 Volte

BLOCCO TOTALE

La protesta dei trattori invade Castrovillari: «la terra è nostra e non si tocca»

Centinaia di trattori partiti dal presidio permanente dello Scalo di Spezzano hanno manifestato per le strade della città del Pollino stanziando sotto la sede di Coldiretti

Al grido di «la terra è nostra e non si tocca» centinaia di agricoltori della Valle dell’Esaro, della Sibaritide e del Pollino sono partiti dal presidio permanente dello scalo di Spezzano Albanese diretti a Castrovillari dove hanno invaso, pacificamente, le strade della città. Il corteo che ha creato non pochi disagi ai cittadini e alla circolazione stradale nel corso del suo passaggio si è fermato sotto la sede della Coldiretti di Castrovillari in piazza Giovanni XXIII paralizzando le arterie di entrata e uscita dalla città del Pollino.

«Ci stanno portando finiti, siamo disperati. Non riusciamo più a portare avanti il nostro lavoro e rischiamo di chiudere» hanno dichiarato ai nostri microfoni diversi piccoli produttori che lamentano anche la presenza delle grandi aziende produttive ai presidi e le manifestazioni che si stanno susseguendo in questi giorni. «Preferire morire piuttosto che essere schiavo» recita un cartellone issato sul frontale di un mezzo agricolo, mentre su un’altro trattore che porta una bara in legno uno striscione recita «L’Ue ha ucciso l’agricoltore». Sono stanchi, delusi dalla politica, amareggiati per le scelte in campo agricolo messe in piedi dalla comunità europea e promettono di andare avanti ad oltranza fin quando il Governo non darà risposta alle loro richieste. «Andremo fino a Roma o Bruxelles se necessario» urlano mentre sventolano le bandiere dell’Italia e del movimento agricolo dal quale si sentono oggi rappresentati.

«La nostra fine sarà la vostra fine» è scritto su un altro cartello che richiama anche la volontà di sensibilizzare l’opinione pubblica e i consumatori a condividere le scelte e lotte degli agricoltori. «La comunità europea vuole favorire le multinazionali e farci mangiare porcheria, noi vogliamo difendere il cibo buono e italiano, i consumatori dovrebbero essere con noi a manifestare» dichiarano ancora mentre strombazzano i clacson dei mezzi agricoli e si blocca il traffico che per ora è l’unica forma democratica per far capire che «la misura è colma».

«Non ce la facciamo più» urla ancora un giovane agricoltore «ci stanno portando alla fame. Non possiamo più coltivare la nostra terra se continuiamo cosi». Mentre il corteo si prepara a muoversi verso piazza municipio.

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola