20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

17:12

FESTIVAL EUROMEDITERRANEO Vladimir Luxuria ad Altomonte con il suo Princesa

Visto

510 Volte

FESTA DEL MARE

Trebisacce: il mare come risorsa identitaria e prospettiva di sviluppo sostenibile

L’evento in programma il 4 e 5 settembre nell’area delle vecchie pescherie sul lungomare della città jonica vede la fattiva partecipazione della condotta Slow Food Magna Grecia Pollino in stretta sinergia con l’amministrazione comunale e il Flag “I Borghi marinari dello Jonio”

Il mare come risorsa di grande identità da preservare, promuovere e consolidare, ma anche occasione di sviluppo sostenibile ed esperienziale legata al turismo. La festa del mare, in programma a Trebisacce dal 4 al 5 settembre, organizzata dal Flag I Borghi marinari dello Jonio e dell’amministrazione comunale in stretta collaborazione con la condotta Slow Food Magna Grecia Pollino, gli operatori della pesca, del sistema turistico ricettivo, le associazioni di categoria e chef locali e nazionali, ha la volontà di accendere i riflettori sulla risorsa marina, la sua corretta fruizione, ma anche focalizzare l’attenzione sui temi della pesca, il turismo lento, le potenzialità e i valori presenti rispetto a questa storica identità marinara.

Nel corso dell’evento l’intenzione è quella di rievocare la storica tradizione marinara trebisaccese, promuovere i prodotti tipici e le peculiarità del territorio, ma anche promuovere un turismo sostenibile, esperienziale e identitario, realizzare una rete di collaborazione tra le diverse associazioni turistiche e di categoria aumentando la relazione tra amministrazione e associazioni.

«L’intento della nostra condotta – ha sottolineato Saro Costa, presidente della Magna Grecia Pollino – è quella di diffondere la cultura del mare e favorire l’informazione volta alla corretta fruizione del mare e dell’area costiera. Il mare può rappresentare una rete di sviluppo sostenibile non solo l’estate, ma anzi tutto l’anno, favorendo l’interrelazione con il sistema del turismo locale, della biodiversità alimentare legata al pescato, promuovendo il consumo di pesce locale rispetto ad altre specie non autoctone, ma soprattutto sottolineando e amplificando i valori storici dei quali il settore della pesca è portatore nell’area dell’alto Jonio». La presenza di Slow Food all’interno dell’evento si concretizzerà con la presenza di oltre 30 produttori del territorio che animeranno il Mercato Slow promuovendo i produttori custodi che lavorano seguendo la filosofia del “buono, pulito e giusto”.

Nella due giorni a rievocare la tradizione enogastronomica territoriale ci sarà la “zuppa di pesce” da sempre il piatto marinaresco per eccellenza, con la sua preparazione povera a base del pescato legato all’auto consumo. Il 4 settembre una interpretazione corale degli chef Giuseppe Gatto (ristorante Da Lucrezia), Franco Filardi (Ristorantino Lido Capri), Pietro Acciardi (Agriturismo Torre Di Albidona), Gabriele Di Lazzaro (Ristorante Da Raffaele) insieme ai docenti di cucina e gli alunni dell’istituto Alberghiero IPSIA Aletti di Trebisacce declinerà la filosofia di questo piatto.

In ottica di sensibilizzazione al consumo del pescato ‘’desueto’’, questa zuppa sarà servita in una veste più accattivante e ‘’modaiola’’ per i gusti enogastronomici più giovani, diventando un “panino con la zuppa di pesce’’ e animando lo street food.

Il giorno 5 settembre sarà lo chef Andrea Palmieri della trasmissione televisiva Camper ad interpretare la punta di diamante del pescato locale: l’Aragosta della Secca di Amendolara, protagonista di una ‘’panzanella’’ marinara, con il pane di Cerchiara ed il Presidio Slow Food dell’olio Dolce di Rossano dei Fratelli Renzo, accompagnati dalla narrazione del conduttore televisivo Marco Di Buono, che guiderà il pubblico tra lo spettacolo di cucina e le 30 aziende di territorio.

Potrebbe interessarti

Servizi Video

4 Giugno 2023 - 23:59
Sport

Marathon degli Aragonesi 2023: vince Emanuele Spica

1 Giugno 2023 - 15:18
Cronaca

Dramma sul Pollino: Denise Galatà muore durante discesa di rafting

29 Maggio 2023 - 16:16
Cultura

Primavera dei Teatri: partita la 23esima edizione del festival

29 Maggio 2023 - 12:15
Cronaca

Castrovillari: matrice dolosa per l’incendio che ha danneggiato un ristorante