13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

1353 Volte

INDAGINI IN CORSO

Cinque medici indagati per la morte del giovane ventinovenne all’ospedale di Corigliano Rossano

La Procura della Repubblica di Castrovillari li ha iscritti nel registro degli indagati per consentire di accertare la verità sul tragico decesso del 15 marzo. L'Asp ha istituito una commissione interna.

Il dentista che lo aveva in cura, il medico di base e gli altri sanitari che avrebbero interagito con Eugenio Bisogni Plastina quando si è recato ai Pronto soccorso degli ospedali “Guido Compagna” prima e “Giannettasio” poi. Sono cinque i medici iscritti dalla Procura della Repubblica di Castrovillari nel registro degli indagati al fine di accertare le eventuali responsabilità che hanno causato la morte del giovane 29enne di Corigliano.

Il sospetto è che il giovane sia deceduto per un infarto. Da una prima ricostruzione dei fatti, la sera di mercoledì 15 marzo, la prima visita al Pronto soccorso si sarebbe conclusa con la prescrizione di una bombola d’ossigeno da parte dei medici. La seconda sarebbe avvenuta perché il malessere, che andava avanti da giorni, non sarebbe scomparso e al “Giannettasio” i medici avrebbero disposto il trasferimento all’ospedale di Cosenza.

Ma l’ambulanza arrivata da Castrovillari avrebbe reso impossibile la trasferta a causa di una barella inadeguata per il traporto del giovane, vista la sua corporatura. Nell’attesa di un secondo mezzo – questa è la dinamica che l’inchiesta è chiamata a chiarire – il cuore del 29enne ha smesso di battere. I familiari hanno denunciato l’accaduto ai Carabinieri e ora si attende l’esame autoptico per cristallizare le responsabilità e le cause della morte e se questo decesso di poteva evitare.

In una nota il commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, Antonio Graziano, si dice profondamente addolorato per la morte del giovane. «Sono vicino alla famiglia in questo tragico e doloroso momento. La magistratura accerterà i fatti e, nel contempo, l’Azienda ha già istituito una commissione interna per l’accertamento di quanto accaduto».

Potrebbe interessarti

di Vincenzo Alvaro

Servizi Video

18 Maggio 2024 - 16:47
Attualità

Nasce la fondazione Talea: per far crescere nuovi talenti

4 Maggio 2024 - 18:18
Attualità

San Basile: il presidente albanese Begaj svela il monumento dedicato a Skanderbeg

30 Aprile 2024 - 17:26
Attualità

Mattarella a Castrovillari: le voci del territorio

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano