13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

922 Volte

RIFORMA SCOLASTICA

Dimensionamento cinico e dannoso: il Mattei – Pitagora – Calvosa si prepara alla mobilitazione

L'assemblea del personale docente e Ata ha ribadito la contrarietà alle scelte formulate sul mondo della scuola, con le ricadute occupazionali che comporterà e scelto la strada della mobilitazione con studenti e famiglie.

«Per dire no ad un’operazione cinica e dannosa, che in troppi, non hanno saputo o non hanno voluto evitare» il Mattei – Pitagora – Calvosa si prepara innanzitutto alla mobilitazione che «vedrà coinvolti gli studenti e le loro famiglie, aperto a tutti i cittadini, al fine di  sensibilizzare tutti sulla gravità di quanto sta succedendo». Poi dopo questo primo momento per ribadire la contrarietà alle scelte sul dimensionamento scolastico non si escludono azioni più clamorose come il ricorso al Tar.

E’ la sintesi dell’incontro celebrato ieri dal personale docente e Ata dell’IIS “Mattei-Pitagora-Calvosa” per esprimere la propria protesta verso il piano di dimensionamento scolastico adottato dalla Provincia di Cosenza. Nel corso dell’assemblea sono stati ribaditi  i concetti che avevano portato gli organi deliberanti della scuola a chiedere il mantenimento dello status quo delle scuole secondarie di Castrovillari. Motivazioni rese più forti dallo stesso piano di dimensionamento adottato, dove è stata riconosciuta l’autonomia a istruzioni scolastiche  con un numero di alunni decisamente inferiore a quelli del “Mattei-Pitagora-Calvosa” e che denotano il «concretizzarsi di un vero e proprio scippo istituzionale ai danni della nostra scuola e del territorio, rispetto al quale i consiglieri provinciali espressi dalla Città non hanno sollevato una benchè minima obiezione».

Inoltre nel corso dell’incontro è stato evidenziato come risulti «contraddittorio l’atteggiamento dell’amministrazione comunale Cittadina che, pur non avendo competenze specifiche sulle scuole secondarie, fin dalla prima riunione ha indicato per la città questa soluzione che poi si è concretizzata. Ci si chiede – scrivono i docenti e il personale Ata – in base a quali criteri si è deciso di smembrare la scuola più grande della città  e con quali interlocutori  (Partiti, Sindacati, Consiglio Comunale)  ci si è confrontati prima di indicare una soluzione sbagliata nella forma e nei contenuti».

C’è poi il problema occupazionale che è conseguenza del dimensionamento. Le previsioni parlano di almeno il 20-25% di personale amministrativo, scolastico e tecnico che potrebbe perdersi se il piano della Provincia diventerà concreto sul nostro territorio. «Non era questo lo spirito del PNRR – hanno aggiunto – Un piano che nasce con l’obiettivo di ridurre i divari territoriale e che  si sta realizzando a discapito delle aree più deboli del paese aumentandone la marginalizzazione dal contesto Europeo». Per questo l’istituto ha intenzione di «assumere ogni utile iniziativa al fine di tutelare l’autonomia della nostra scuola e impedire un ulteriore impoverimento del nostro territorio» partendo dal coinvolgimento di famiglie e studenti che sono «la parte lesa» di questo sistema di tagli.

Nei prossimi giorni è attesa la pronuncia del Tar Campania in merito al ricorso della Regione (al quale ha aderito anche la FLC Cgil Campania) contro il dimensionamento scolastico. Un eventuale accoglimento potrebbe aprire scenari imprevisti dal Governo e dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Potrebbe interessarti

di Vincenzo Alvaro

Servizi Video

18 Maggio 2024 - 16:47
Attualità

Nasce la fondazione Talea: per far crescere nuovi talenti

4 Maggio 2024 - 18:18
Attualità

San Basile: il presidente albanese Begaj svela il monumento dedicato a Skanderbeg

30 Aprile 2024 - 17:26
Attualità

Mattarella a Castrovillari: le voci del territorio

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano