13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

1000 Volte

TUTTI AL CINEMA

Ferrari, il film diretto da Michael Mann è finalmente al cinema: tra gli attori un castrovillarese

Giuseppe Bonifati interpreta Giacomo Cuoghi, amico e collega di Enzo Ferrari

L’attesa è finita. Il film su Enzo Ferrari diretto dal candidato al premio Oscar Michael Mann e con nel cast un nugolo di attori di altissima qualità, a partire da Adam Driver (nei panni di Enzo) e Penelope Cruz è di quelli da non perdere, soprattutto per i calabresi. Tra gli attori italiani presenti nel ricchissimo cast della pellicola c’è anche Giuseppe Bonifati, castrovillarese ormai non nuovo ad esperienze professionali di altissimo livello che nel lungometraggio impersona Giacomo Cuoghi, amico e collega di Enzo Ferrari.

Queste biografie su pellicola alle quali ci ha ormai abituati il cinema hanno come scopo prioritario quello di delineare in modo scrupoloso le personalità dei vari personaggi affrontati, tratteggiare il loro carattere, la loro indole, descrivendo al meglio le loro vicende, tra successi e fallimenti, paure e speranze. Anche in “Ferrari” la formula viene ripetuta in modo efficace, perché vengono narrati fatti risalenti al 1957 quando il patron del Cavallino Rampante vive il suo momento più delicato, dopo la morte prematura del figlio Dino, scomparso a 24 anni per distrofia muscolare.

Dalla sua pagina social l’attore castrovillarese invita ad andare a vedere al cinema questa produzione per scoprire «l’amore profondo per Emilia, l’ossessione per il motore e il suo suono primordiale».

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

di Redazione

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola