13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

462 Volte

LA SERATA EVENTO

Core d’Arberia: dove splendono cucina, Sole, Luna e buoni vini

A Civita una singolare narrazione gastronomica fatta a più mani dagli chef Gregorio Buccolieri e Celestino Mauro, il bartender Paolo Settino e i vini di Giuseppe Calabrese

Che il Pollino sia terra di gusto è ormai risaputo. Gemme alimentari lo corollano in lungo e in largo, insieme a tanti preziosi scrigni produttivi che ne fanno uno degli areali più interessanti della enogastronomia calabrese. Storia, tradizione, passione, impegno e sguardi prospettici verso la modernità, si legano ad un passato glorioso di cui ancora oggi esistono tanti e coraggiosi interpreti. Tutto condensato in un territorio ricco di peculiarità naturalistiche che ne fanno un luogo straordinamente complesso e variegato, unico. Uno scrigno di biodiversità alimentare così straordinario che ha bisogno di grandi interpreti che ne sappiano cogliere le potenzialità e farne ricchezza per gli amanti del gusto. E’ quello che unisce quattro coraggiosi giovani imprenditori che, in diversi campi dalla ristorazione al beverage, hanno scelto di vivere e produrre a queste latitudini e che la loro passione per il terroir ha portato ad incontrarsi in una cena a quattro mani celebrata presso l’Oste d’Arberia, a due passi dalle pareti rocciose del Raganello, geosito Unesco, una tra le tante meraviglie naturalistiche tra le quali rigenerarsi la mente, il corpo e anche il palato.

Convivialità, comunione, buon cibo

Così seduti attorno al tavolo della convivialità la declinazione del territorio è stata servita agli ospiti di una serata-evento dalle mani di Celestino Mauro, chef di Core Restaurant a Castrovillari, premiato dal Gambero Rosso, a meno di un anno dall’apertura della sua attività gastronomica, tra i dieci talenti della cucina italiana che si sono distinti per la capacità di interpretare al meglio i piatti contribuendo a riscrivere il ricettario futuro, e Gregorio Buccolieri chef de L’Oste d’Arberia che ha saputo per passione avvicinarsi alla cucina e mettersi alla scuola di una delle icone della manualità tradizionale arbereshe come Cristina Nicoletti, dalla quale ha saputo cogliere segreti e identità e radicarsi in un suo stile espressivo in cucina.

Ecco servito il mix giusto per una narrazione gustosa arricchita da vini di un altro visionario del territorio, Giuseppe Calabrese agricoltore di Saracena, che sa esprimere espressività e sfumature uniche ai vitigni autoctoni del Pollino. Senza dimenticare un finale avvolgente e rinfrescante tirato fuori dal cilindro di conoscenza e passione per le botaniche calabresi dal bartneder Paolo Settino, un grande custode di una sapienza speciale che sa narrare nei cocktail del suo avamposto, il Sole Luna di Castrovillari.

La serata proposta ad un pubblico di curiosi, appassionati della buona cucina, di altri ristoratori ed operatori di settore e stampa, ha la preziosità di aver mostrato una squadra vincente di uomini e donne (non dimentichiamo che dietro i quattro protagonisti ci sono le loro mogli, fedele compagna di lavoro e di sperimentazioni) legati insieme ad un’amicizia solida e da una passione sconfinata per le potenzialità del Pollino.

I piatti della serata

Così il baccalà mantecato con erbe aromatiche, spuma di papata Silana e sommacco (elegante e fresco, non invadente e speciale nella sua armonia), i cappellacci ripieni di ceci al sentore di camomilla di campo (delicato e ricco di profumi che in bocca lasciano un buon ricordo), uniti alla guancia di maialino brasato, crema acida di fagioli bianchi e rape (spaziale nella sua gustosa amalgama di sapori, con una carne che si scioglie in bocca e lega la sua piacevolezza alla cremosità di ciò che lo accompagna) sono il timido ed elegante viaggio tra i sapori di una terra meravigliosamente ricca di varietà e presidi alimentari. E poi il finale con la declinazione di arancia, cacao e rosmarino che si accompagna al coctkail AmisTad di Paolo Settino è la degna conclusione di una serata unica, tra amici e buon cibo, come solo il Pollino sa regalare.

 

Potrebbe interessarti

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati