13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

359 Volte

TEATRO

La storia della famiglia Panini, da una edicola alla fabbrica di figurine

Gli alunni frequentantidel liceo scientifico E. Mattei e dell’ITCG Pitagora-Calvosa si sono recati, accompagnati dai loro insegnanti, presso il teatro Sybaris per assistere allo spettacolo “Up – Umberto Panini, il meccanismo dei sogni”, a cura dell’associazione di promozione sociale Menodiunterzo

Gli alunni frequentanti le classi terze e quarte del liceo scientifico E. Mattei e dell’ITCG Pitagora-Calvosa di Castrovillari si sono recati, accompagnati dai loro insegnanti, presso il teatro Sybaris per assistere allo spettacolo “Up – Umberto Panini, il meccanismo dei sogni”, a cura dell’associazione di promozione sociale Menodiunterzo.

La rappresentazione è iniziata e finita con la stessa scena, ovvero quella della ripetizione delle classiche formule “ce l’ho” oppure “mi manca” usate dai bambini durante lo scambio delle figurine (strumento sul quale si basa l’intera storia). I tre attori Francesco Gallo, Francesca Vico e Rosanna Guaragna hanno rappresentato la storia della famiglia Panini, ripercorrendo la storia italiana, segnata in un primo momento dalla seconda guerra mondiale e dall’emigrazione e secondariamente dalla ricostruzione e dal boom economico. La narrazione è cominciata dall’arrivo di Antonio Panini e Olga Cuoghi, assieme ai loro otto figli (Veronica, Norma, Maria Luisa, Giuseppe, Edda, Benito, Umberto e Franco), a Modena e si è sviluppata raccontando i problemi che affliggevano questa famiglia, partendo dal fatto che nessuno fosse disposto a fittargli una casa per via della loro numerosità e arrivando all’improvvisa morte del padre, che a soli 44 anni ha abbandonato il resto del nucleo familiare alla tristezza e alla povertà.

Dal palcoscenico, però, non è arrivata un’aria malinconica poiché gli attori hanno proceduto a spiegare come i figli si siano dati subito da fare: Umberto è diventato un bravo meccanico e Veronica ha comprato un’edicola, gli sforzi di entrambi saranno fondamentali per far crescere l’impero di figurine che si creerà. Il primo dei due partirà per il Venezuela, per sfuggire al fascismo che opprimeva gli italiani, mentre i suoi fratelli daranno inizio all’attività per la quale lui costruirà i macchinari, una volta tornato e dopo aver affinato le sue abilità. Attraverso l’opera è possibile toccare con mano la crescita dell’azienda, che era all’inizio nient’altro che un’edicola in cui due ragazzi avevano iniziato a vendere figurine e che poi è diventata una fabbrica a tutti gli effetti, in cui i lavoratori avevano addirittura una mensa.

Potrebbe interessarti

di Redazione

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola