13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

13:15

PRESENTATO IL PROGRAMMA Tutto pronto per il Pollicino Book Fest

22:07

POESIA POPOLARE CONTAMINATA DAI RITMI MODERNI Musica e Teatro in ricordo di Luigi Russo

Visto

144 Volte

PAESI ARBERESHE

Frascineto: Pasqua a teatro con l’associazione culturale e turistica “Vorea”

Il 31 marzo presso l'Auditorium "Andrea Croccia" andrà in scena “Mister laj gJitoni”, Il signor Zio  vicino di casa

Si esibirà la sera di Pasqua presso l’auditorium “Andrea Croccia” di Frascineto la compagnia teatrale dell’associazione culturale e turistica “Vorea”. Alle ore 19:00 il 31 marzo andrà in scena l’opera scritta da Vincenzo Bruno dal titolo “Mister laj gjitoni”, Il signor Zio  vicino di casa. L’associazione arbereshe nata oltre 15 anni fa a Frascineto, con il suo modo elegante e comico di interpretare opere teatrali in lingua arbëreshe si prefigge l’obiettivo di rendere vive  le proprie origini e la propria lingua madre.

Con il teatro, “Vorea” coinvolge l’intera comunità e si estende anche oltre i confini nazionali portando in alto la sua mission volta a preservare l’incredibile e inestimabile valore della lingua madre, la lingua arbëreshe  affinchè il tempo non ne scalfisca la bellezza. «E’ una grande responsabilità, quella di Vorea, dice Ylli Pace, Segretaria Nazionale dell’Associazione – Riuscire ad entrare nelle dinamiche emotive  dello spettatore, adulti, ragazzi, concittadini e non, per regalare  momenti di grande comicità e intrattenimento, non è facile  ma gli attori  di Vorea lo fanno sapientemente e  il pubblico in sala, e lo dico con grande soddisfazione e ammirazione, ne rimane sempre entusiasta ad ogni spettacolo proposto».

 “Vorea”, travolge, lo spettatore e lo trasporta in un vortice di emozioni  che restituisce dignità alla opera sua , concreta, di impegno alla diffusione e conservazione del patrimonio linguistico arbëreshe nella  ricerca costante di preservare  usi, costumi e tradizioni di un popolo antico che caparbiamente non si arrende all’idea che una lingua millennaria possa cadere in disuso e non venga tutelata.

L’associazione della presidente Lucia Martino, è riuscita nel tempo ad affermarsi come una realtà attiva che ha portato avanti tutta una serie di iniziative nazionali e internazionali  e continuerà a farlo con lo stesso impegno e l’obiettivo di far arrivare a chi ascolta e segue le sue dinamiche la forza e l’amore per le proprie origini.

Gli attori, diretti dalla regista Imma Guarasci, amatoriali ma allo stesso tempo “professionisti” e da riconoscere come tali nella loro essenza, Salvatore Pace, Maria Di Cunto, Gemma Ceccarini, Elena Amato,  Salvatore Basile, Maria Pia Stabile, Margherita Ferrari e la stessa Lucia Martino,  diventano sul palco, interpreti dell’opera la cui vicenda è ambientata in un paese arbreshe dei giorni nostri.

Partendo dal Teatro, l’Associazione si prefigge lo scopo di  veicolare valori importanti quali la bellezza del territorio, la tematica dell’emigrazione, il ritorno a casa, il rapporto con le nuove generazioni e lo fa con il teatro, appunto, strumento per eccellenza diretto e immediato volto a trasmettere cultura e condivisione. L’intento dell’associazione è anche quello di sensibilizzare le  giovani generazioni, i ragazzi, a non arrendersi al solo “presente” bensì a  spingersi  e indagare nel “passato” per cercare lì la chiave per un futuro più consapevole, culturalmente orientato e proteso al riconoscimento della propria identità,  che ci rende  tutti “unici”  e liberi di esprimersi.

Si ringraziano gli sponsor dell’iniziativa che hanno creduto in questo progetto e che appartengono a realtà imprenditoriali virtuose del territorio: Aligys SRL, Zooned.com, Tenute Ferrari, Panacea di Paolo Bruno, Officina Enzo Bruno, Gelateria Capani di Catrovillari.

Potrebbe interessarti

PRESENTATO IL PROGRAMMA

Tutto pronto per il Pollicino Book Fest

di Redazione

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati