13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

188 Volte

TAGLIO DELLE AUTONOMIE

Dimensionamento scolastico: Usb scuola in piazza a Cosenza

I più penalizzati dal dimensionamento saranno i dirigenti, gli operatori delle segreterie e i collaboratori scolastici.

Continua a tenere banco la questione del dimensionamento scolastico che nella provincia di Cosenza prevede il taglio di 29 autonomie. Un numero che preoccupa l’Usb Scuola che annuncia per domani 6 ottobre, una manifestazione di protesta a Cosenza, con un sit-in in Piazza 11 settembre, a partire dalle 16. Secondo il sindacato, i più penalizzati dal dimensionamento saranno i dirigenti, coloro che operano nelle segreterie e i collaboratori scolastici. Ma c’è dell’altro.

«L’aspetto che più preoccupa – è scritto nel comunicato di Usb Scuola – è l’insensibilità e l’indifferenza ai bisogni educativi e culturali dei nostri studenti. Da una parte si blatera di impegni per le scuole del Mezzogiorno e per recuperare la dispersione scolastica, di fatto la si incentiva, ben sapendo che le carenze del sistema dei trasporti provinciali non consente una mobilità scolastica adeguata, il più delle volte superiore ai 30 minuti per raggiungere la destinazione scolastica. Questi aspetti logistici ne depotenziano soprattutto i rientri pomeridiani che limitano l’ampliamento dell’offerta formativa nei confronti dei ragazzi più bisognosi».

«Purtroppo i rischi di questo dimensionamento per la provincia di Cosenza che presenta un territorio già fragile di per sé, con tutte le carenze strutturali che vivono le scuole cosentina a partire dalla mancanza di palestre, di mense e sicurezza degli edifici scolastici, dalle barriere architettoniche sempre presenti, saranno enormi». Per il sindacato «fintanto che a prevalere sarà la logica dei numeri e dei tagli, non si costruiranno mai adeguati processi scolastici e non si valutano purtroppo i rischi in termini di impoverimento sociale e culturale».

«I presìdi culturali e soprattutto quelli scolastici rappresentano –aggiunge l’Usb- il vero contrasto agli abbandoni scolastici, alle carenze sociali, alle esclusioni e alle devianze giovanili. L’Usb Scuola della provincia di Cosenza e tutta l’Usb provinciale ritengono –conclude il comunicato- che questo ridimensionamento abbia invece bisogno di una riflessione più ampia, volta ad una riorganizzazione complessiva e pianificata delle offerte formative sui territori, e non limitata alle Istituzioni deliberanti (Comuni e Provincia) ma frutto dell’ascolto di tutti i soggetti che hanno a cuore la difesa della scuola pubblica».

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati