13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

20:18

FINISCE 1-1 CON IL PORTICI Il Castrovillari saluta la serie D

19:10

IL CORDOGLIO DELL'AMMINISTRAZIONE Ci lascia Ortensia Caterini, la farmacista dal sorriso luminoso

Visto

797 Volte

TRANSIZIONE DIGITALE

Digital innovation: inaugurata la nuova sede di Florence Consulting per rispondere alla voglia di riscatto del Sud

L'azienda leader nei settori della Digital Transformation, System Integration e Cyber Security si afferma a Cosenza come secondo polo del gruppo toscano che continua a crescere e punta a triplicare il coinvolgimento dei talenti locali

È iniziata quattro anni fa la sfida imprenditoriale di Florence Consulting Group nella città di Rende, portando oggi la divisione calabrese – la più a Sud dopo la sede centrale di Firenze e quelle di Roma e Milano – ad essere il secondo polo per «competenza tecnica e capacità di delivery su progetti locali, nazionali e internazionali». Lo ha affermato Iacopo Chiarugi (CEO e fondatore) a nome della società leader nel settore dell’information tecnology nel corso della inaugurazione della nuova sede ubicata nell’area industriale di Rende, con la volontà di consolidare – anche a nome dell’altro fondatore Niccolò Francini e Francesco Perrone (Business Unit Manager) – il rapporto di collaborazione con l’Università della Calabria, uno di quei «fattori determinanti che ci hanno portato a scegliere la Calabria come terra dove investire per rispondere ad una voglia di riscatto utilizzando la digital trasformation, la cyber security e la system integration e interrompere quel processo di emigrazione verso l’estero o le regioni del Nord delle migliori risorse e talenti».

Una sfida raccolta in Calabria dalle istituzioni, che si sono dimostrate pronte a «dialogare con imprese come la nostra», e da tanti professionisti del settore tecnologico che «hanno voluto far emergere le proprie competenze per valorizzare il territorio». Quel percorso di evoluzione con l’obiettivo «di creare un centro di eccellenza al Sud di information tecnology possiamo dire di averlo compiuto alla grande – ha aggiunto Chiarugi – e anzi abbiamo un progetto ambizioso: nei prossimi due anni vorremo arrivare a triplicare la presenza di professionisti sul campo, contribuendo a rafforzare quel trend di cambiamento e innovazione che la Calabria ci chiede, irrobustendo il sistema di ricerca di talenti e dialogo sul territorio con aziende e università».

Alla inaugurazione della sede moderna e funzionale, con una forte attenzione alla vivibilità degli spazi per aumentare la qualità del lavoro dei professionisti coinvolti, hanno partecipato i consiglieri regionali Luciana De Francesco, presidente della prima commissione, Katya Gentile, presidente della sesta commissione, il consigliere provinciale Pina Sturino in rappresentanza dell’Ente guidato dalla presidente Rosaria Succurro Domenico Pappaterra, presidente del Gal Pollino Sviluppo. In rappresentanza di Unical presenti anche Andrea Pugliese, Professore Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica, e Gaia Bertolino, rappresentante degli studenti.

«La presenza di Florence Consulting qui in Calabria dimostra che c’è fiducia nel talento delle risorse umane per offrire a tutta l’area urbana una opportunità di lavoro capace di diventare trampolino di lancio per tantissimi talenti che vorranno lanciare proposte che plasmeranno il futuro digitale» – ha affermato il consigliere regionale Luciana De Francesco – «La Calabria sta puntando sulla crescita digitale investendo ingenti risorse del Pnrr su questo aspetto e sono sicura che questa realtà sarà un faro di speranza per lo sviluppo tecnologico, innovazione e futuro digitale».

«Nuove tecnologie e opportunità per i giovani: una realtà come Florence Consulting riesce a conciliare questi due temi fondamentali che vanno di pari passo e si sposano bene con la presenza dell’Unical – ha aggiunto Katia Gentile – ribandendo la «necessità di sinergia tra pubblico e privato». Strada confermata anche dal consigliere provinciale con delega alla transizione digitale Pina Sturino la quale ha manifestato la volontà della Provincia di Cosenza nel trovare sinergie con importanti ricadute sul territorio.  Anche il presidente del Gal Pollino Sviluppo, Domenico Pappaterra, si è dimostrato attento alla presenza del gruppo toscano: «sono venuto – ha concluso – per incoraggiare la loro presenza in un’area che ha vicino una delle migliori università italiane che sta sfornando ragazzi preparati di altissimo livello che insieme a questa società possono fare un grande lavoro per la Calabria».

Potrebbe interessarti

di Michele Martinisi

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati