13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

265 Volte

CORSO

Caccia: regole da seguire nel rispetto delle normative  igienico –sanitarie.

Prima edizione del corso “PERSONA FORMATA “. Il corso, fortemente voluto dall ‘ASP Cosenza, ha avuto il fine di formare delle persone fornendo gli elementi base per come comportarsi a caccia e durante le operazioni post abbattimento

Nei giorni scorsi presso la sede del Parco Nazionale del Pollino a Castrovillari si è tenuta la prima edizione del corso “PERSONA FORMATA “organizzato dall’ASP di Cosenza che ha avuto lo scopo di formare delle persone dettando le regole da seguire  nel rispetto delle normative  igienico –sanitario.

Il corso ha avuto un notevole successo. Notevole  e’ stata infatti l ‘affluenza di persone e in particolar modo grande e’ stato il plauso  del Parco Nazionale del Pollino  nella persona del Direttore F.F. Arturo Valicenti e del Dott Francesco Rotondaro che hanno sottolineato l ‘importanza del presente corso per il cacciatore.

Il corso, fortemente voluto dall ‘ASP Cosenza, ha avuto il fine di formare delle persone (x lo piu cacciatori) fornendo gli elementi base per come comportarsi a caccia e durante le operazioni post abbattimento

Si e’ dato ampio spazio sia alla visita ispettiva post abbattimento, ma anche alla trattazione di malattie infettive prettamente trasmissibili. E’ stata fatta  un’ ampia trattazione di alcune malattie infettive  con particolare riferimento alla peste suina africana. La peste suina africaca e’ una malattia che sta minacciando  i nostri allevamenti suini, la loro commercializzazione ,la commercializzazione delle stesse carni , i cinghiali e  tutto l’ambiente che ci circonda. in quanto trattasi di una malattia che si trasmette dal cinghiale al suino e persiste per molto tempo nell ‘ambiente comportando danni notevoli. E’ stato puntualizzato che questa malattia non si trasmette all ‘uomo ma l ‘uomo puo’ fungere da vettore e diffondere la malattia. Quindi e’ molto importante prestare attenzione ai cinghiali, ai suini, all’ uomo e al nostro prezioso ambiente. In un periodo di particolare attenzione per questa malattia da parte della Regione Calabria, il corso ha avuto lo scopo anche per il cacciatore, che e’ in continuo contatto con i cinghiali di fungere  da formazione per una eventuale presenza della malattia sul territorio.

L’iniziativa fortemente voluta da Direttore FF Area B ASP Cosenza  Ugo Cavalcante, e’ stato svolto  dal Dirigente Veterinario Maria Franca Accattato , dal Dirigente Veterinario  Roberto Tramonti ,dal dott.Gianfranco Pascale e dal dott Antonio Chiaramonte.

 

Potrebbe interessarti

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati