13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

366 Volte

DIVULGARE I VALORI DELLO SPORT

Casa Circondariale, riparte il progetto Arcobaleno- Rinascita in Corsa

Ideato e realizzato otto anni addietro  dalla Tiger Running Club di Castrovillari per l’insegnamento dell’atletica leggera ai detenuti. Si inizia il 21 ottobre

Sabato 21 ottobre riprenderà,dopo la pausa per l’emergenza Covid, presso il penitenziario di Castrovillari  “ Rosetta Sisca” il “Progetto Arcobaleno – Rinascita in Corsa”, ideato e realizzato otto  anni addietro  dalla Tiger Running Club di Castrovillari per l’insegnamento dell’atletica leggera ai detenuti.

Il “ Progetto Arcobaleno – Rinascita in corsa”,  nato da un’idea di Vincenzo Malomo, presidente della Tiger, è un progetto innovativo ed unico al mondo perché prevede sia l’insegnamento teorico che la pratica diretta dell’atletica leggera negli istituti penitenziari italiani.

Il progetto si articola sulla base di un programma teorico, mediante lezioni tenute da tecnici Fidal e atleti professionisti nelle aule degli istituti penitenziari, e mediante una parte pratica che prevede l’esercizio diretto delle discipline sportive (corsa, salti e lanci) da parte dei detenuti, ovviamente negli spazi disponibili all’interno della struttura carceraria.

La portata veramente rivoluzionaria dell’iniziativa è che per la prima volta alcuni detenuti, dopo un periodo adeguato di preparazione atletica, avranno la possibilità di partecipare a competizioni ufficiali che si svolgeranno all’esterno dell’istituto penitenziario.

Scopo dell’originale progetto “Arcobaleno” è quello di divulgare i valori dello sport tra i detenuti, e di contribuire al loro pieno recupero etico e sociale. La pratica di una sana attività sportiva come l’atletica leggera può migliorare le condizioni di vita delle persone, sia sotto l’aspetto fisico che psichico e motivazionale. Gli ospiti di un istituto penitenziario possono trovare nella pratica dell’atletica leggera uno stimolo concreto al proprio recupero sociale, nonché il raggiungimento di quel livello di autostima che costituisce la base di ogni tentativo di miglioramento e completamento di un percorso di cambiamento e di rieducazione.

La prima lezione sarà tenuta sabato 21 ottobre e vedrà impegnati come docenti e istruttori Anna De Gaio, Vincenzo Malomo, Fedele Cozza, Gaetano D’Elia, Gianni Groccia e Miriana De Biase

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

di Redazione

Servizi Video

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati

7 Febbraio 2024 - 17:20
Cultura

Nasce Pi.Ca.Lab. il primo museo didattico ospitato in una scuola