13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

159 Volte

DUE SECOLI DI STORIA

207 anni di Polizia Penitenziaria: uomini e donne speciali al servizio della collettività

A Castrovillari l'appuntamento regionale per celebrare l'anniversario della nascita del corpo che opera nelle carceri

«Gli agenti della polizia penitenziaria sono uomini e donne speciali perché fanno un lavoro alquanto difficile, essendo a contatto con le persone e non con le carte, con la fierezza dell’appartenenza, con umanità e professionalità. Vivono accanto al recluso, giorno dopo giorno, tutte le difficoltà quotidiane anche quella della restrizione penitenziaria per cui non si occupano soltanto di custodire il soggetto ma anche di aiutarlo a superare momenti di difficoltà e ovviamente a reinserirsi nella società nel momento in cui poi sarà scarcerato».  A sostenerlo è stato il direttore della Casa Circondariale “Rosetta Sisca” di Castrovillari, Giuseppe Carrà, , nel corso della celebrazione del 207° anniversario della Festa Regionale del Corpo di Polizia Penitenziaria tenutasi ieri mattina presso il Protoconvento Francescano di Castrovillari.

La cerimonia ha visto la presenza delle massime autorità civili, militari e religiose provinciali.  La manifestazione, dopo l’inno di Mameli e l’inno alla “Gioia”, il primo cantato dai ragazzi dell’istituto “G. Troccoli” di Lauropoli e il secondo eseguito dall’orchestra dello stesso istituto, si è aperto con la lettura del messaggio del direttore del Dap, Giovanni Russo, in occasione della cerimonia nazionale della Polizia penitenziaria, tenutasi a Roma lo scorso 11 marzo. Subito dopo l’intervento del comandante del reparto Polizia penitenziaria della “Rosetta Sisca”, Carmine Di Giacomo, il quale, dopo essersi detto, a nome dell’intero reparto, «onorato e orgoglioso della scelta fatta dal provveditore regionale di far svolgere la festa regionale a Castrovillari», ha illustrato, anche se a grandi linee, la situazione dell’istituto penitenziario castrovillarese.  «Anche nel carcere di Castrovillari, come un po’ in tutti gli istituti penitenziari della nazione, c’è e si registra un sovraffollamento non a livelli altissimi. Ma tutto sommato, – ha sostenuto il comandante Di Giacomo – grazie al clima collaborativo che c’è, riusciamo comunque a lavorare bene».

Per il provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria, Liberato Guerriero, la festa della polizia penitenziaria «è appuntamento per noi molto sentito perché  ci consente – ha spiegato – di farci conoscere, di farci vedere dalla cittadinanza che, ovviamente, anche se è interessata alle vicende del carcere, ci segue sempre con la dovuta distanza. Oggi è una giornata importante perché portiamo un problema che è di interesse nazionale, quello dell’esecuzione penale, quello della lotta alla delinquenza, quello del recupero delle persone condannate, all’attenzione di tutta la cittadinanza proprio perché l’amministrazione penitenziaria ha bisogno che tutti i soggetti istituzionali facciano la propria parte».

Il provveditore Guerriero, a margine della cerimonia, nel rispondere a una specifica domanda sulla condizione delle carceri ha sostenuto che «la situazione non è delle migliori. I numeri sono quelli che sono perché abbiamo strutture che non riescono a contenere i numeri attuali. Quindi, a maggior ragione, va valorizzato il lavoro e l’impegno di chi comunque porta avanti le strutture spesso con risorse non sufficienti, con strutture non sempre all’altezza della situazione. Però posso dire – ha tenuto a sottolineare il provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria –  che la Calabria da questo punto di vista non sta messa poi tanto male, certo il sovraffollamento fa  in modo che l’impegno che potrebbe essere destinato  a gestire un certo numero di detenuti deve essere moltiplicato per il numero di quelli che poi sono presenti. Noi – ha concluso Liberato Guerriero – facciamo del nostro meglio speriamo di poter avere in futuro qualche agevolazione sia in termini di organico che in termini di riduzione delle presenze negli istituti».

La cerimonia si è chiusa con la consegna  delle ricompense conseguite dal personale appartenente ai vari istituti della regione Calabria nell’anno 2023,  con la consegna di alcune note di apprezzamento e con “Va Pensiero” intonato dal coro del “Troccoli” e il “Nessun dorma” cantato dal soprano Michele Marzana.

Potrebbe interessarti

SOCCORRITORI IN AZIONE DA QUESTA NOTTE

Laino Borgo, scomparso un 89enne. Ricerche in corso

di Redazione

di Michele Martinisi

Servizi Video

18 Maggio 2024 - 16:47
Attualità

Nasce la fondazione Talea: per far crescere nuovi talenti

4 Maggio 2024 - 18:18
Attualità

San Basile: il presidente albanese Begaj svela il monumento dedicato a Skanderbeg

30 Aprile 2024 - 17:26
Attualità

Mattarella a Castrovillari: le voci del territorio

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano