13:47

VIGILI DEL FUOCO IN AZIONE Camion si ribalta sull’A2 tra Frascineto e Sibari

11:07

L'OPERAZIONE DI POLIZIA La droga dei cinesi nel territorio delle ndrine

17:23

INIZIATIVA DELL'ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI Tutti in piazza per i Gemelli DiVersi

11:41

ATTIVITA' DEI CARABINIERI Castrovillari: cocaina in casa, arrestato

19:58

ACCORPATE ANCHE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI Dimensionamento scolastico. Castrovillari può diventare un caso

22:02

CELEBRATA A CASTROVILLARI E LAINO BORGO Festa dell’albero: il futuro della natura nelle mani dei bambini

15:26

PANCRUSCO AI SAPORI DEL POLLINO Per Natale arriva il panettone salato di Piero De Gaio

20:29

FESTIVAL DEL CORTOMETRAGGIO Castrovillari film festival, ecco i vincitori

15:17

UNA STORIA INIZIATA NEL LONTANO 1993 La Centrale nel Parco. Facciamo chiarezza

22:40

OPERATIVI NEI PROSSIMI GIORNI Ospedale, in arrivo 8 medici cubani a Castrovillari.

14:49

PERDITA RETE IDRICA Sospensione erogazione acqua

7:51

VALORIZZAZIONE TERRITORIALE Nasce la rete museale della Sibaritide e del Pollino

22:32

Festa della donna L’Aiga visita le carceri femminili

Visto

380 Volte

L'INTERVENTO

Traffico di marijuana da Calabria all’Olanda: le congratulazione del Siulp agli uomini della Polizia

Il segretario generale Siulp Cosenza, Ezio Scaglione, e Luciano Lupo componente del direttivo nazionale, hanno elogiato i colleghi della Squadra Mobile di Cosenza e quelli del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Corigliano Rossano per l'importante risultato raggiunto

Una operazione condotta con grande abnegazione, spirito di sacrificio e un’attività di intelligence e pedinamenti durata diversi mesi quella che ha portato alla scoperta e al sequestro di 560kg di marijuana coltivata in un capannone nella zona industriale di Castrovillari. Agli uomini della Squadra Mobile di Cosenza e quelli del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Corigliano – Rossano sono arrivate le congratulazioni di Ezio Scaglione, Segretario generale Siulp Cosenza, per «l’importante risultato operativo ottenuto. Un plauso sincero, quindi, per lo straordinario esito investigativo, va da parte nostra al Dirigente della Squadra Mobile, al Questore di Cosenza, alla Procura di Castrovillari, alla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, e ad ogni singolo poliziotto, tutti importantissimi nel grande gioco di squadra che ieri ha portato al sequestro di oltre una tonnellata di marijuana pronta per essere spedita in Olanda e al fermo di P.G. di diversi cinesi. Un risultato – ha continuato Scaglione – che è frutto di laboriose attività e di grande abnegazione e spirito di servizio di poliziotti che spesso operano in condizioni disagiate, attesa la sproporzione di forze tra le varie cosche operanti sul territorio cosentino e le forze di Polizia. Un’attività investigativa, tra l’altro, che mette sotto i riflettori anche una nuova realtà criminale in Calabria, costituita da cinesi; un ulteriore fattore di rischio per la società civile. Tutto ciò deve spingere lo Stato, il Governo, a investire ancora di più sulla sicurezza, adeguando gli organici degli Uffici già presenti sul territorio e istituendo nuovi presidi di legalità. Territori sicuri producono investimenti imprenditoriali, lavoro e benessere sociale, per questo motivo il Siulp, ringraziando i colleghi per quanto fanno quotidianamente, continuerà a chiedere a gran voce sempre maggiori investimenti sulla sicurezza».

Anche Luciano Lupo, componente del direttivo nazionale Siulp, è intervenuto sui contenuti dell’operazione di Polizia messa a segno a Castrovillari. «L’ombra della mafia cinese in Calabria è a dispetto della ‘ndrangheta o frutto di un improbabile accordo e di spartizione degli affari legati al mondo dello spaccio di sostanze stupefacenti? Questo è quanto verrà chiarito dallo sviluppo delle indagini in corso. Certo è che per la Calabria e la provincia di Cosenza si tratta di un fatto inedito che desta ulteriore preoccupazione; a memoria, infatti, mai prima d’ora erano stati scoperti fatti illeciti gestiti dalla criminalità cinese, che nel mondo è forte e radicata.
Nella nostra provincia (e non solo nella nostra) si apre un altro fronte che non può rimanere inesplorato; nulla può essere lasciato al caso e, proprio per tale motivo, ogni lembo di territorio deve essere controllato ancora meglio, ogni comunità deve essere monitorata. Grazie alla D.D.A. di Catanzaro, alle Procure provinciali, a tutte le poliziotte ed i poliziotti, agli investigatori dell’Arma dei Carabinieri ed a quelli della Guardia di Finanza già impegnati nell’impari lotta contro la criminalità organizzata; grazie a tutti loro per il magnifico lavoro che fanno, ma lo Stato deve fare un altro passo in avanti e cioè investire in potenziamento di organici, in nuove strumentazioni e nuovi presidi di sicurezza e di legalità».

Potrebbe interessarti

di Domenico Fortunato

Servizi Video

1 Marzo 2024 - 10:11
Cronaca

Piazze di spaccio: sette arresti tra Castrovillari e Cassano

17 Febbraio 2024 - 18:47
Cronaca

Morte operaio: tre persone iscritte nel registro degli indagati

17 Febbraio 2024 - 12:45
Cronaca

Frascineto, incidente sul lavoro: muore operaio albanese

11 Febbraio 2024 - 17:01
Cronaca

Il Carnevale inclusivo dei Lions: in maschera tra i bambini malati