Dopo il dissesto la città ha bisogno di una nuova primavera. Forza Castrovillari e è pronta

Senise roberto

 

CASTROVILLARI - «La città di Castrovillari ha bisogno di una nuova primavera che necessita di personalità che siano il meglio della classe dirigente della città, e Castrovillari ha personalità eccellenti che riteniamo di annoverare nel nostro movimento per la Buona Politica e per il Bene Comune». Lo afferma Roberto Senise del movimento Forza Castrovillari chiedendo al Sindaco, Domenico Lo Polito, di «andare a casa», monito come unico «dovere» imposto alla classe politica che ha rilasciato «dichiarazioni rassicuranti del sindaco» rispetto al dissesto finanziario del Comune di Castrovillari. Il dissesto «è una cosa seria - scrive Senise - che compromette le casse comunali, il futuro e lo sviluppo del territorio, perché risorse che potevano destinate a finalità virtuose invece devono coprire i debiti con milioni di euro di interessi delle cattive gestioni politiche. Con la dichiarazione del dissesto finanziario che si appresta a deliberare il consiglio comunale nella prossima seduta e con il successivo invio della commissione straordinaria di liquidazione si avrà un effetto “congelamento” dei debiti del comune per almeno 18 mesi. Ma Forza Castrovillari chiede di sapere a quanto ammontano i debiti della massa passiva? «Sono solo quelli indicati dalla Corte dei Conti di milioni di euro oppure ne emergeranno altri che si faranno avanti dopo il bando che pubblicherà l’organo straordinario di liquidazione nei confronti dei potenziali creditori? Con quali soldi verranno ricoperti? E i debiti causati e non pagati presentano quali responsabilità politiche e non? La verità che i debiti della politica li dovranno pagare i cittadini castrovillaresi che per il risanamento dell’Ente Locale, lo stesso, dovrà ulteriormente indebitarsi con l’assunzione di un ulteriore mutuo con oneri a proprio carico che l'organo straordinario di liquidazione chiederà, in nome e per conto del Comune, in unica soluzione con la Cassa depositi e prestiti al tasso vigente con pagamento diretto di ogni onere finanziario da parte del Ministero dell'interno e se necessario, ai fini del finanziamento della massa passiva, il comune dovrà spogliarsi dei propri beni patrimoniali disponibili non indispensabili per i fini dell’Ente, avviando dalla triade commissariale le procedure per l'alienazione di tali beni».

e-max.it: your social media marketing partner

I più letti

ABMreport.it


Via G. Militerni, 33 - 87012 Castrovillari (CS).
Testata giornalistica on line iscritta nel registro della stampa n°2/2011 del Tribunale di Castrovillari.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.