Leone (Popolo della famiglia Calabria): la legge contro omofobia per le scuole nasconde direttive della lobby Lgbt

ppopolo famiglia gender

 

CASTROVILLARI - La Commissione Cultura della Regione Calabria ha approvato a fine gennaio una proposta di legge per portare nelle scuole un programma di educazione contro l’omofobia e la discriminazione di genere. «Non possiamo non essere d’accordo sul titolo - scrive Salvatore Leone, del coordinamento regionale del Popolo della Famiglia - Di fatto però, come sta accadendo in Italia da tempo, tali direttive costituiscono il modo per introdurre nelle scuole, sin dalle elementari, programmi di educazione sessuale secondo le direttive della potente lobby Lgbt; diffondere cioè la teoria gender secondo cui il sesso non ce lo attribuisce madre natura, alla nascita, ma lo decidiamo da grandi! Idiozie purtroppo pericolose che, in diversi casi, sono servite da pretesto per praticare in bambini piccolissimi potenti terapie ormonali per ritardare la pubertà. Leggendo la proposta di legge nel dettaglio appaiono più che evidenti tali nostre preoccupazioni! Quindi una proposta di legge dannosa più che inutile. L’educazione che abbiamo ricevuto e che è sempre attuale ci ha insegnato l’inviolabilità della persona e condannato qualsivoglia violenza sulla stessa di qualsiasi orientamento sessuale. Riteniamo tale proposta di legge assolutamente pretestuosa ed ipocrita, finalizzata invece a smantellare la solida educazione ricevuta ed introdurne una nuova a dir poco devastante ai fini di una serena ed armoniosa crescita dei nostri bambini».

e-max.it: your social media marketing partner

I più letti

ABMreport.it


Via G. Militerni, 33 - 87012 Castrovillari (CS).
Testata giornalistica on line iscritta nel registro della stampa n°2/2011 del Tribunale di Castrovillari.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.