Morano, l'orchestra di fiati si cimenta con il Nabucco

nabucco manifesto moranoMORANO CALABRO - Per il terzo anno consecutivo l'orchestra di fiati di Morano Calabro porta in scena l'opera lirica, in particolare quella di Giuseppe Verdi, con lo spettacolo del Nabucco. Appuntamento il 30 e 31 marzo all’Auditorium “Massimo Troisi” per ascoltare le musiche dell'opera lirica tra le più rappresentate al mondo e definita la più risorgimentale di Verdi, per la quale l’Orchestra di fiati ha partecipato al bando regionale per attività ed eventi culturali, nella categoria di promozione e sviluppo della cultura musicale. Come per le precedenti opere Traviata e Rigoletto, anche il Nabucco vede la firma alla regia di Andrea Magnelli, autore anche delle scenografie, mentre in scena ci saranno i cantanti Luca Bruno, Alessandro D’Acrissa, Davide Mura, Rosaria Buscemi e Gabriella Grassi. A chiudere il cerchio di un ensemble d’eccezione, il coro lirico Francesco Cilea di Reggio Calabria, tra i più conosciuti d’Italia. L’opera, scritta per orchestra sinfonica, tipicamente da arena e che necessita di grandi spazi, «verrà chiaramente adattata allo spazio scenico ridotto ed è proprio questa la sfida - dicono il direttore artistico Massimo Celiberto ed il presidente dell’OdF, Leonardo Di Luca – ma soprattutto lo è il lavoro sulla partitura, trascritta fedelmente per fiati nelle tonalità originali. Un’attività molto difficile sia sul campo musicale che teatrale, anche per questo premiata, per la seconda volta, dalla Regione Calabria, che ha riconosciuto i valori e la costanza dell’associazione».

e-max.it: your social media marketing partner

ABMreport.it


Via G. Militerni, 33 - 87012 Castrovillari (CS).
Testata giornalistica on line iscritta nel registro della stampa n°2/2011 del Tribunale di Castrovillari.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.