Graziano. Incendi: Fallimento delle politiche del Governo. Fase preventiva e investigativa cancellata

graziano consigliere regionaleMORANO CALABRO – L’Italia brucia, i parchi bruciano, Morano Calabro da settimane è uno dei comuni più colpiti della regione Calabria dagli incendi boschivi con la riaccensione di uno ieri sera che ha messo a rischio persone e abitazioni. «Il nostro paese, in queste ore, sta perdendo parte del suo inestimabile patrimonio forestale. E tutto questo per colpa dell’insolenza di una politica piegata ai poteri forti europei. Lo avevamo detto nei mesi scorsi, alla vigilia dell’approvazione della riforma Madia, nell’atto di smembramento della pubblica amministrazione, che sciogliere il Corpo forestale della Stato avrebbe significato dare un colpo mortale alle politiche di salvaguardia del territorio e delle bellezze naturali». Ad affermarlo è il presidente del Movimento nazionale Il Coraggio di Cambiare l’Italia, Giuseppe Graziano, solidarizzando con le centinaia di operatori forestali, con le squadre dei Vigili del Fuoco e con gli ormai ex agenti del Corpo forestale che in questi giorni di incendi, sparsi nella quasi totalità del Meridione, stanno lavorando alacremente per arginare i roghi e, purtroppo, con il supporto di pochissimi mezzi aerei. «Soprattutto al Sud, dove esiste ed è ancora forte e radicata una criminalità rurale che appicca incendi per creare pascolo, che deturpa l’ambiente per fare business e che, negli anni, è stata arginata grazie proprio all’azione pervasiva degli agenti forestali. È stato cancellato, colpevolmente e in blocco, tutta la fase organizzativa, preventiva e investigativa dell’antincendio boschivo». L’Italia – dice Graziano – «è il paese con la più grande ed importante flotta aerea antincendio. Eppure, per la beffa della Legge Madia, la maggior parte dei mezzi, quest’anno, è rimasta chiusa negli hangar mentre molte regioni d’Italia sono in preda alle fiamme. E questo perché con la riforma di riorganizzazione della pubblica amministrazione, insieme alla dispersione del personale forestale in parte nei Vigili del Fuoco parte nell’Arma dei carabinieri parte in altri organi ed enti, c’è stata anche la parcellizzazione dei mezzi e delle competenze in forza al Corpo. Creando, di fatto, un pauroso buco organizzativo. Infatti dagli incendi delle ultime settimane emerge un dato che certifica il fallimento delle politiche dell’ex Governo. «Non è aumentato, infatti, il numero degli incendi rispetto alla media degli altri anni» afferma Graziano - «viceversa, si sono estese le aree dei fuochi e la durata degli stessi. E questo perché mancano, oltre ai mezzi aerei, anche le figure di chi dirige le operazioni di spegnimento (l’ex DOS) e perché è stato assegnato ai Vigili del Fuoco, formati da sempre per domare i roghi di prossimità, anche le funzioni dell’antincendio boschivo dapprima di competenza proprio del Corpo forestale dello Stato. Ne è venuta fuori una babele. E non per mancanza di capacità dei Vvf, del cui lavoro siamo estremamente grati, bensì per l’assenza di quel coordinamento in cui spiccavano i forestali. Che oggi non ci sono più». Ma a preoccupare – aggiunge il Presidente del CCI – è il futuro. «Infatti, una volta chiuso questo particolare momento di emergenza – che tra l’altro stiamo affrontando con il supporto dei canadair francesi mentre i nostri restano a terra! – rimarrà da affrontare il vero problema legato alla criminalità dei boschi. Gli incendi sono solo alcuni effetti eclatanti dell’opera delinquenziale e malavitosa che prolifera attorno al patrimonio boschivo. Chi porrà un freno a questo fenomeno se è stato cancellato l’unico corpo di polizia specializzato ad arginare il crimine ambientale? Purtroppo nessuno. Perché i carabinieri forestali sono in numero minore rispetto agli ex agenti CfS e i vigili del fuoco non hanno competenze in materia». Oltre al fatto – conclude Graziano – «che è stato, appunto, cancellato in blocco il coordinamento del Corpo forestale che fino allo scorso anno coordinava le operazioni di intervento, in casi di emergenza, e le attività di indagine per risalire agli autori dei reati contro il patrimonio ambientale e forestale».

e-max.it: your social media marketing partner

I più letti

22 Settembre, 2016
35380 Redazione

Ritrovati i due cercatori di funghi dispersi in Sila

Corigliano. Sorpreso a fare sesso con il cane

16 Mag, 2014 7057 Redazione

Ecco i nomi di chi uccise Cocò Campolongo

12 Ott, 2015 5746 Vincenzo Alvaro

Andavano a prostitute. Sette uomini multati sulla 106

19 Apr, 2016 5611 Domenico Fortunato

Un castrovillarese nella nuova giunta di Oliverio

08 Lug, 2015 4994 Vincenzo Alvaro

ABMreport.it


Via G. Militerni, 33 - 87012 Castrovillari (CS).
Testata giornalistica on line iscritta nel registro della stampa n°2/2011 del Tribunale di Castrovillari.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni.